Ecco Officina di Mediattivismo ambientale, il progetto dedicato ai ragazzi tra ambiente, cibo e comunicazione

Si chiama “Officina di Mediattivismo ambientale” ed è un nuovo percorso dove anche la nostra Cooperativa Officine Gutenberg sarà protagonista. Ecco il bando con cui ci rivolgiamo a tutti gli interessati.

Il bando per Officina Mediattvismo ambientale

Hai tra i 18 e 28 anni? Ti interessano i diritti ambientali e i sistemi alimentari alternativi? Ti piace raccontare storie? Vorresti sperimentarti in un’esperienza di giornalismo e video partecipativo? Diventa un mediamakers e partecipa all’officina di Mediattivismo ambientale, organizzata da: Fondazione ACRA in collaborazione con Officine Gutenberg, PiacenzaSera e Zalab, che prenderà vita a partire dall’11 Febbraio al 4 Aprile.

Perché un’officina?

Il percorso strutturato in 12 moduli online prevederà la sperimentazione di pratiche di produzione audiovisive, di citizen journalism, di visite sul campo alle più innovative esperienze di rigenerazione del verde urbano di Piacenza.

Come potrai sperimentare quanto appreso?

Collaborerai alla redazione di articoli per un blog collegato al quotidiano online Piacenzasera e parteciperai alla scuola nazionale di video partecipativo e documentario di ZALAB

I migliori elaborati in grado di raccontare le storie di valorizzazione del patrimonio ambientale, rigenerazione delle aree verdi urbane, orticoltura urbana e delle filiere alimentari sostenibili del territorio Piacentino avranno la possibilità di effettuare un tirocinio retribuito presso la redazione di PiacenzaSera.

Mediattivismo

Come partecipare?

Compila il modulo online! https://docs.google.com/forms/d/112etKw98YXzOpr4-FhhxPvG3yIx_x90gwX5sD7Iq3Zk/edit?usp=sharing

Officina di Mediattivismo ambientale nasce nell’ambito del progetto Comunicare la città sostenibile, il comune di Piacenza con il sostegno di Regione Emilia Romagna in collaborazione con Fondazione ACRA, Officine Gutenberg e la partecipazione di Zalab lancia il laboratorio di Mediattivismo ambientale.

Condividi su: