• Post category:Novità

Un anno difficile per studenti e insegnanti ma che noi accompagneremo tutti i giorni con il nostro diario scuola

Questa settimana per tantissimi alunni ed insegnanti è partito un anno scolastico tutto da scoprire. Un’annata 2020-21 che si presenta con tante incognite ma che per molti avrà una certezza, il nostro diario scuola.

Infatti anche per quest’anno scolastico Officine Gutenberg sarà con il suo “diario scuola” su tanti banchi della nostra provincia. Come negli anni passati i nostri diari, prodotti “in casa” dai nostri ragazzi in via Giordano Bruno 6, allieteranno (si spera!) le giornate degli alunni dell’Istituto comprensivo di Pianello val Tidone e quello di San Nicolò.

Diario scuola: Officine Gutenberg torna dietro ai banchi!
Il diario scuola di San Nicolò

In provincia di Piacenza perciò saranno oltre 10 le scuole che useranno il nostro diario . Prodotti, facenti parte della linea Print Different, che riportano sulla copertina le immagini scelte dagli stessi ragazzi e che sono stati prodotti da altri ragazzi, i “nostri”, ossia gli inserimenti lavorativi che tutti i giorni collaborano con noi, fianco a fianco.

E poi… il Diario di Piacenza Memes!

Eh no, non possiamo dimenticarci poi del diario più divertente di città e provincia, quello di Piacenza Memes.

Dopo il successo dell’anno scorso, torna il Diario di Piacenza Memes, il diario scolastico creato apposta per gli studenti di Piacenza e provincia. Il Diario 2020/21 segna il proseguimento della collaborazione tra Officine Gutenberg e la pagina satirica più divertente di Piacenza ossia Piacenza Memes che potete seguire sia su Facebook sia su Instagram.

Diario-di-Piacenza-Memes-2
Il Diario di Piacenza Memes

Con questi diari, che abbiamo cercato di rendere più colorati e simpatici possibili, vogliamo fare un grosso “in bocca al lupo” a tutti i ragazzi, e ai loro insegnanti, che stanno partendo per un’annata scolastica che sa un po’ di avventura (speriamo a lieto fine!).

A tutti loro facciamo un grosso auguri di buono studio e di buon lavoro, sperando che col tempo i pensieri tornino ad essere “solo” quelli legati alla grammatica, alle parentesi quadre e tonde, e a quelle terribili date di storia che proprio non ci ricordiamo mai!

Condividi su: